Logo Assodelfini
Donazioni

Sostieni l'associazione

Clicca qui

Newsletter

Rimani informato

Clicca qui

Notiziario

Ultima edizione

Clicca qui

5 X 1000

Dai il tuo contributo

Clicca qui

Eliminazione dell'infeszione da HCV in Italia Il necessario impegno della Clinica, della Scienza e della Politica

Pubblicato in News il 02-03-2020

Senato della Repubblica il convegno finale del progetto "CCuriamo" che ha riunito in un network più stretto gli attori coinvolti nella lotta all'Epatite C per fotografare la realtà italiana e dare una spinta a nuove strategie di identificazione del "sommerso".

 

I video sono disponibili: https://www.pharmastar.it/conferenze-stampa/c-curiamo-86

 

Epatite C, cosa è stato fatto in Italia e cosa resta ancora da fare?
Che cosa è stato fatto finora in Italia per la cura dell’epatite C, quali risultati sono stati ottenuti e cosa resta ancora da fare? Ce ne parla in questa intervista il Prof. Salvatore Petta, Segretario AISF- Associazione Italiana per lo Studio del fegato, che abbiamo incontrato in occasione del convegno finale del progetto “CCuriamo” che ha riunito in un network più stretto gli attori coinvolti nella lotta all’Epatite C per fotografare la realtà italiana e dare una spinta a nuove strategie di identificazione del “sommerso”.

Epatite C: le strategie per far emergere il sommerso
Come fare per identificare e trattare gli oltre 200mila italiani che hanno contratto l'infezione da epatite C ma che non sanno di averla, o che trascurano il fatto di essere infetti? Diverse sono le iniziative che vengono messe in campo a questo scopo.
Ce ne parla in questa intervista il Prof. Massimo Andreoni, Direttore della UOC di Malattie infettive e Day Hospital, Dipartimento di Medicina, Policlinico Tor Vergata di Roma, che abbiamo incontrato in occasione del convegno finale del progetto “CCuriamo” che ha riunito in un network più stretto gli attori coinvolti nella lotta all’Epatite C per fotografare la realtà italiana e dare una spinta a nuove strategie di identificazione del “sommerso”.


CCuriamo, una fotografia della realtà italiana e delle strategie di eradicazione dell’epatite C
A che punto siamo con la cura dell'epatite C in Italia, quali sono i pazienti che hanno l'infezione ma non sanno di averla e che quindi potrebbero già essere curati efficacemente? Sono questi i temi al centro del convegno finale del progetto “CCuriamo” che ha riunito in un network più stretto gli attori coinvolti nella lotta all’Epatite C per fotografare la realtà italiana e dare una spinta a nuove strategie di identificazione del “sommerso”. Ce ne parla in questa intervista la Dr.ssa Francesca Di Giuseppe, Value and Access Project Manager, ISHEO, la società che ha ideato il progetto.

Epatite C negli istituti di pena, come contrastarla?

Una parte significativa dei detenuti che vivono all'interno dei circa 200 istituti di pena italiani ha contratto l'infezione da epatite C. Cosa fare per contrastarla in questi casi?
Ce ne parla in questa intervista il Prof. Sergio Babudieri, Direttore scientifico SIMSPE e Direttore SC Clinica Malattie Infettive e Tropicali dell’AOU di Sassari, che abbiamo incontrato in occasione del convegno finale del progetto “CCuriamo” che ha riunito in un network più stretto gli attori coinvolti nella lotta all’Epatite C per fotografare la realtà italiana e dare una spinta a nuove strategie di identificazione del “sommerso”.


Epatite C nei tossicodipendenti, come contrastarla?
In Italia ci sono circa 200mila persone che sono state curate efficacemente e che quindi possono dirsi a tutti gli effetti guarite dall’infezione da epatite C. Ce ne sono però almeno altrettante che hanno l'infezione ma che non sanno di averla e una parte significativa di questi pazienti, il cosiddetto “sommerso”, viene assistita nella rete dei SERD, i centri per la cura delle dipendenze.
Ce ne parla in questa intervista il Dott. Felice Alfonso Nava, Direttore della U.O. Sanità Penitenziaria e Area Dipendenze dell'Azienda ULSS 6 Euganea di Padova, che abbiamo
incontrato in occasione del convegno finale del progetto “CCuriamo” che ha riunito in un network più stretto gli attori coinvolti nella lotta all’Epatite C per fotografare la realtà italiana e dare una spinta a nuove strategie di identificazione del “sommerso”.

Epatite C, qual è la situazione attuale in Italia?
Qual è la situazione delle infezioni da epatite C a livello mondiale e soprattutto in Italia? Ce ne parla in questa intervista il Prof. Stefano Vella, dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma, che abbiamo incontrato in occasione del convegno finale del progetto “CCuriamo” che ha riunito in un network più stretto gli attori coinvolti nella lotta all’Epatite C per fotografare la realtà italiana e dare una spinta a nuove strategie di identificazione del “sommerso”.

Epatite C in Italia, cosa resta ancora da fare?
Per combattere l'infezione da epatite C in Italia è stato fatto tantissimo. Di strada da fare però ce n'è ancora tanta per poter dire di aver sconfitto definitivamente questa infezione. Ivan Gardini, Presidente EpaC onlus ci spiega in questa intervista che cosa ostacola la vittoria definitiva nei confronti dell’epatite C. Lo abbiamo incontrato in occasione del convegno finale del progetto “CCuriamo” che ha riunito in un network più stretto gli attori coinvolti nella lotta all’Epatite C per fotografare la realtà italiana e dare una spinta a nuove strategie di identificazione del “sommerso”.

Le 3 parole chiave per eradicare l’epatite C: farmaci, sommerso e Piano nazionale
A che punto siamo con la cura dell’epatite C in Italia? Ce ne parla in questa intervista la Senatrice Paola Binetti, che abbiamo incontrato in occasione del convegno finale del progetto “CCuriamo” che ha riunito in un network più stretto gli attori coinvolti nella lotta all’Epatite C per fotografare la realtà italiana e dare una spinta a nuove strategie di identificazione del “sommerso”.

Epatite C, cosa resta ancora da fare in Italia per arrivare all’eradicazione?
Cosa resta ancora da fare per eradicare l'infezione da epatite C in Italia? Ce ne parla in questa intervista il Prof. Massimo Galli, Past President SIMIT, che abbiamo incontrato in occasione del convegno finale del progetto “CCuriamo” che ha riunito in un network più stretto gli attori coinvolti nella lotta all’Epatite C per fotografare la realtà italiana e dare una spinta a nuove strategie di identificazione del “sommerso”.

Epatite C, come identificare chi è infetto e non lo sa?
Come far emergere il “sommerso” per quanto riguarda l’epatite C? Ce ne parla in questa intervista la Dr.ssa Loreta Kondili del Centro Nazionale per la Salute Globale dell’Istituto Superiore di Sanità, che abbiamo incontrato in occasione del convegno finale del progetto “CCuriamo” che ha riunito in un network più stretto gli attori coinvolti nella lotta all’Epatite C per fotografare la realtà italiana e dare una spinta a nuove strategie di identificazione del “sommerso”.